Abbiamo 6 visitatori e nessun utente online

Editoriale 2010

Editoriale 2010



L’UNIVERSITÀ DELLA TERZA ETÀ DI ARICCIA inaugura il 19° ANNO ACCADEMICO

L’Università della Terza Età di Ariccia nacque nel mese di Febbraio 1993. L’idea arrivò da Velletri attraverso la dott.ssa Grazia Allodi Galassetti, Presidente dell’UNITRE di quella città (già esistente da qualche anno), il dott. Pietro Musini, che qualche mese dopo costituirà e presiederà la Sede di Ciampino, e Danilo Vischetti, allora assessore alla Cultura del Comune di Ariccia.

 L’Assessore Vischetti, coadiuvato dai dirigenti del Centro Sociale per gli Anziani di Ariccia, propose la costituzione di un Comitato provvisorio per la istituzione in Ariccia di una sezione staccata

dell’UNITRE di Velletri. Fui invitato a formarne parte (e coordinarvi i lavori) insieme a Torquato Leuti (allora Presidente del Centro Anziani), Giuseppina La Porta e Leo Giorgini (Vicepresidenti di detto Centro), Pietro Musini, Vinicio Cianfanelli, Agrippina Tomassini, Paola Fortini, Silvana Benedetti.

 La sezione staccata, costituitasi nel marzo ’93, ottenne, nel ’94, il riconoscimento di Sede Autonoma Locale dell’Associazione Nazionale UNITRE di Torino rendendosi quindi indipendente da Velletri.L'assemblea dei Soci fondatori, approvato lo statuto, fissò anche gli scopi che l’UNITRE di Ariccia si prefiggeva: contribuire alla promozione e all’aggiornamento culturale dei suoi Soci studenti; favorire l’incontro, lo scambio di idee, la comunicazione sociale, oltre che culturale, fra generazioni diverse, ammettendo fra i suoi aderenti Soci studenti di qualsiasi età; accettare e sollecitare l’iscrizione di Soci provenienti da qualunque Comune di residenza in modo di allargare il bacino di utenza territoriale a tutti i Castelli Romani ed anche oltre, allo scopo di facilitare al massimo lo scambio di culture, usi e costumi di origine e caratteri diversi.

Per costatare se l’iniziativa avesse avuto una risposta positiva tra le popolazioni di Ariccia e dei paesi viciniori, si organizzò un “Corso Breve 1993” con una serie di lezioni-conferenze sui principali monumenti d’arte (dal Romanico al Barocco) esistenti nei Castelli Romani ed una serie sull’Antropologia Umana.

Il Corso Breve 1993 si svolse dal 7 aprile al 16 giugno ed ebbe un successo di partecipazione ed impegno inaspettati: 162 furono gli iscritti al corso che seguivano le lezioni con grande entusiasmo e che manifestarono con molta insistenza l’interesse a che l’iniziativa continuasse e si ampliasse anche per gli anni successivi. Nel settembre 1993 l’Assemblea decise di organizzare l’Anno Accademico 1993-94 con quattro corsi annuali di lezioni e di proseguire l’attività anche per gli anni seguenti.

Le adesioni, la partecipazione entusiasta, il consenso unanime andarono crescendo ogni anno di più, il successo divenne sempre più ampio e consolidato. L’invito all’aggiornamento culturale e alla socializzazione lanciato dalla nostra Associazione fu recepito da Soci studenti di tutte le età, dai ventenni agli ottantenni con percentuali maggiori di cinquantenni e sessantenni. È stato recepito in tutte le cittadine· dei Castelli Romani ed anche più lontano (anche a Roma); le adesioni di ariccini si sono aggirate costantemente tra il 35% e il 42%, di albanensi intorno al 30%, di genzanesi al 25%, minori per le altre. Le donne hanno sempre dimostrato maggiore sensibilità degli uomini verso il tipo di attività della nostra Associazione: la percentuale femminile dei nostri iscritti si è sempre aggirata attorno all’80%.

I fattori che contribuirono a tale successo furono molteplici e di varia natura. L’Amministrazione Comunale ci ha sempre sostenuto ed appoggiato incondizionatamente concedendoci un cospicuo sostegno finanziario, ma soprattutto mettendoci a disposizione la sede prestigiosa di Palazzo Chigi: nei primi anni di attività le nostre lezioni si tenevano nella splendida “Sala da Pranzo d’Estate”, successivamente nella magnifica “Sala Maestra”. L’importanza della prestigiosa sede si manifestò in tutta la sua evidenza nei due anni in cui fummo costretti a spostare le sede delle nostre attività da Palazzo Chigi all’Auditorium del Liceo di Ariccia per importanti lavori di ristrutturazione nel Palazzo: gli iscritti scesero dai 615 del 1998 ai 418 del 1999 ai 292 del 2000, ma appena tornammo alla vecchia sede gli iscritti ripresero subito a salire.

Un’altra ragione importantissima che spiega il grande successo della nostra Associazione sta nel grande valore e preparazione del Corpo Docente e degli Enti culturali e scientifici che ci hanno sempre concesso la loro collaborazione. Fin dai primi anni la Specola· Vaticana, in collaborazione con l’Unione Astrofili Italiani e ultimamente anche con l’Associazione Tuscolana di Astronomia, ci hanno messo a disposizione i loro migliori astronomi per corsi di livello elevatissimo; il Centro di Psicologia Applicata ed il dott. Amedeo Piccioni hanno tenuto corsi teorici e pratici di psicologia che hanno affascinato i nostri studenti.

Ulteriore crescita degli ambiti culturali dei nostri corsi si ebbe quando ci concessero la loro collaborazione valorosi docenti dei Licei di Ariccia e Albano, sollecitati dal Preside Ignazio Vitelli e dal Vicepreside Angelo Difalco. Sotto il loro impulso le lezioni di Letteratura italiana, Storia dell’arte e Storia moderna e contemporanea suscitarono sempre giustificato entusiasmo. Efficacissimo è stato anche l’apporto di moltissimi medici delle nostre zone a corsi di medicine specialistiche, seguiti sempre con profondo interesse, per i quali hanno offerto la loro collaborazione anche varie Associazioni quali la Società Italiana della Medicina delle Migrazioni, l’Associazione Italiana di Logopedia, l’Istituto di Alta Formazione in Psicologia, ecc. In altri indirizzi culturali è stata anche efficacissima la collaborazione di altri Docenti (anche universitari) ed Enti come ad esempio la Sede circondariale di Ariccia dell’Archeo club d’Italia ed altri ancora.

Ma non c’è stato un crescendo di interesse e partecipazione soltanto per i corsi annuali. Si sono anche progressivamente sviluppate “attività collaterali” come visite guidate a siti di interesse culturale, viaggi d’istruzione, serate teatrali ecc.; poi visite e viaggi di più giorni, anche all’estero; si sono venute consolidando le consuetudini del viaggio in prossimità delle feste natalizie, del viaggio di fine anno ecc. Recentemente si sono organizzati dei “Corsi Brevi” su argomenti vari, largamente seguiti ed apprezzati: al corso breve “Passeggiate Romane” c’è stata una partecipazione molto al di sopra di ogni rosea previsione; lo stesso successo stanno ottenendo i corsi, con visite guidate,· di “Geografia storica” di territori di Roma e dintorni.

Di pari passo con l’ampliamento delle nostre attività in ambiti culturali sempre più vasti, sono cresciute e si sono specializzate sempre più le attrezzature tecniche che abbiamo messo a disposizione dei Docenti e dei Soci studenti. La distribuzione delle dispense durante le lezioni, molto apprezzate per il ripasso e la rielaborazione degli argomenti trattati, è divenuta prassi normale. Le attrezzature audiovisive sono migliorate in quantità e qualità nel corso degli anni. Siamo passati dai microfoni a filo ai radiomicrofoni, a disposizione dei Docenti per una sempre migliore ascolto da parte degli studenti. Siamo passati dall’epidiascopio, ai proiettori per diapositive, ai videoproiettori digitali per una migliore resa visiva durante le lezioni. Le nostre attrezzature audiovisive sono sempre state al passo con la moderna evoluzione della scienza e delle tecnica.

Gestire un complesso di attività così vasto e articolato è stato possibile solo perché nel corso degli anni si è venuta formando una squadra di volontari con una voglia di fare eccezionale ed esperienza sempre crescente. I gruppi di lavoro preparano i calendari dei corsi annuali e brevi e concordano coi docenti i programmi delle lezioni e relativi argomenti che vengono pubblicati nel Libretto-programma distribuito già all’atto dell’iscrizione. Prevedere calendari e programmi così dettagliati e precisi con quasi un anno di anticipo non è cosa di poco conto.Il gruppo di lavoro addetto alle attività collaterali e ai Corsi Brevi fa miracoli nel prevedere giorno, ora e minuto di partenze, arrivi, ore dei pasti, appuntamenti durante i viaggi, le visite guidate, le serate teatrali, provvedendo anche ai mezzi di trasporto, alle guide e a tutte le necessità dei partecipanti che non hanno nulla da pensare perché tutto è stato stabilito e previsto alla perfezione.

Il gruppo di lavoro addetto agli audiovisivi ha raggiunto la straordinaria abilità di ottenere la massima resa dalle varie attrezzature complesse e sofisticate (fax, fotocopiatrice, duplicatore digitale, computers fissi e portatili, proiettori, videoproiettori, ecc.) delle quali l’UNITRE di Ariccia si è venuta dotando (anche con l’aiuto finanziario dei Soci sostenitori) nel corsi degli anni. Tutti i membri dell’Assemblea Generale e del Consiglio Direttivo della nostra Associazione si dedicano, SENZA FINI DI LUCRO, alle molteplici attività svolte, per conseguire risultati sempre più ampi ed ambiziosi. E’ indubbio che questa loro dedizione comporti, oltre che l’impegno di molto tempo, anche qualche soldino di spesa di tasca propria, qualche pieno di carburante in più per le loro auto, e considerevoli appesantimenti delle loro bollette telefoniche. Tutto questo complesso di fattori che hanno reso possibile e sempre più grande il successo della nostra Associazione è sempre più vivo e vitale per cui l’Università della Terza Età di Ariccia sta iniziando il suo 19° Anno Accademico in piena fase di espansione che lascia facilmente prevedere ancora più grandi successi per gli anni futuri.

                                                                       Livio Velletrani



 

 

 

 

 

 

   
Copyright © 2019 unitreariccia.org. Tutti i diritti riservati.
Ideato e realizzato da Giuliano BANCONE